Attivista gay ucciso e fatto a pezzi, arrestato il complice dell'ex militare
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Attivista gay ucciso e fatto a pezzi, arrestato il complice dell'ex militare

64 Visualizzazioni


È Francesco De Turris, un pregiudicato ai margini della criminalità organizzata di Ponticelli, il secondo arrestato per il barbaro assassinio di Vincenzo Ruggiero.

L'uomo, 51 anni, è accusato di avere aiutato Ciro Guarente, l'ex militare della Marina in carcere da dieci giorni, a reperire e distruggere l'arma con la quale ha assassinato Vincenzo. Il tutto è accaduto l'8 luglio scorso.

De Turris è stato fermato su richiesta della procura di Napoli Nord, diretta da Francesco Greco; il gip ha già convalidato il fermo. Le indagini, eseguite dai carabinieri di Aversa, diretti dal maggiore Antonio Forte e dal tenente Flavio Annunziata, configurano i reati di concorso in omicidio, detenzione, porto e cessione abusiva di armi.









contatore