Caos vaccini, ogni regione a modo suo Ecco le differenze da Bolzano a Palermo
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Caos vaccini, ogni regione a modo suo Ecco le differenze da Bolzano a Palermo

50 Visualizzazioni


Entro il 10 settembre circa 2 milioni di famiglie dovranno presentare la documentazione rilasciata dall'Asl o dal pediatra di famiglia per l'ammissione dei figli ad asili nido e scuole dell'infanzia. Il tempo stringe, ma sulla vaccinazione obbligatoria aleggia ancora il caos. In mancanza di una linea comune infatti ogni regione si sta muovendo autonomamente, con differenze tra i vari territori, da Nord a Sud.

Il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, ha ribadito che non ci saranno rinvii. Nel frattempo però le regioni si muovono autonomamente. Per esempio, In Alto Adige i bambini potranno comunque frequentare la scuola per una nno in via transitoria; la Lombardia ha concesso 40 giorni di tempo in più per i bambini fino a 6 anni, mentre Toscana, Calabria e Sicilia si stanno muovendo in modo simile tra loro per quanto riguarda i colloqui con le famiglie per verificare le vaccinazioni.


Fonte: Tgcom24






contatore