I nostri amici animali vedono il mondo a colori? Ce lo spiegano le nuove tecnologie P
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

I nostri amici animali vedono il mondo a colori? Ce lo spiegano le nuove tecnologie P

85 Visualizzazioni


Come vedono il mondo i nostri amici animali? E’ a colori o in bianco e nero? In realtà gli animali vedono il mondo a colori, ma in maniera molto differente rispetto a noi: lo rivelano gli ultimi studi scientifici condotti grazie alle nuove tecnologie, come la spettrofotometria e l’imaging digitale, che hanno permesso di svelare anche i colori ‘fantasma’ (invisibili all’occhio umano) che gli animali usano per comunicare fra loro.

Scienze ha fatto il punto degli ultimi 20 anni di ricerche: 27 esperti internazionali, tra biologi, psicologi, fisici, genetisti e antropologi, sottolineano come tutte queste nuove conoscenze potranno trovare applicazione in molti settori, dalla medicina alla sicurezza, dall’abbigliamento all’ambito militare.


La colorazione e’ un’importante fonte di informazioni sugli animali, e il modo in cui i colori vengono percepiti cambia di specie in specie”, spiega Justin Marshall dell’universita’ australiana del Queensland. “Io lavoro sulle canocchie, ma anche su altri animali oceanici – racconta il ricercatore – perche’ la loro visione a colori e’ molto diversa dalla nostra. Le canocchie, ad esempio, hanno un numero di recettori per i colori che e’ quattro volte il nostro. Noi ne abbiamo tre, per il rosso, il verde e il blu, mentre loro ne hanno 12. La sfida ora sta nel comprendere come gli animali sfruttano i colori e la loro visione per la sopravvivenza”.

Tim Caro dell’Università della California, tra gli esperti autori della rassegna su Science, ha gia’ cominciato a spiegare ad esempio il perché delle strisce delle zebre (usate per evitare le punture di insetti) e delle macchie del panda (utili per mimetizzarsi nell’ambiente). Altri studi stanno ricostruendo la genetica della colorazione, cosi’ come l’evoluzione del mimetismo in base alla visione dei predatori.

Nonostante questi progressi sono molte le questioni che restano aperte: dai meccanismi neurali con cui i colori condizionano il comportamento degli animali fino all’interazione della vista con gli altri sensi; questo potrebbe per esempio spiegare se la reazione delle farfalle al colore dei fiori può essere condizionata dal loro profumo.


Fonte: http://www.meteoweb.eu






contatore