Il venerdì nero sulle spiagge campane: tre morti travolti dalla mareggiata
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Il venerdì nero sulle spiagge campane: tre morti travolti dalla mareggiata

65 Visualizzazioni


Venerdì nero sulle spiagge campane: è di tre il bilancio delle vittime del mare in tempesta, forza quattro. Tutte travolte dalle onde, risucchiate dalla corrente. L'ultima, in ordine di tempo, aveva solo 18 anni. È Alessia Piatti, annegata a Ischia dove era in vacanza con due amiche. Fatale è stato anche l'urto con le rocce, verso cui l'hanno scaraventata le forti correnti.

Fin dalla mattina i vari stabilimenti balneari avevano alzato bandiera rossa: segnala ai bagnanti il divieto di entrare in acqua e persino di avvicinarsi alla riva. Alessia, però, ha deciso di fare una passeggiata sulla battiggia. Questione di secondi. «È stato un attimo, lei era sulla riva e non aveva intenzione di entrare in acqua», hanno raccontato i soccorsi.

Ma nulla ha potuto contro un mulinello. «L'ha travolta e l'ha trascinata via. Abbiamo assistito impotenti al suo annegamento». La ragazza, che avrebbe compiuto 19 anni tra qualche mese, è morta davanti alle compagne con cui aveva fittato un monolocale. Quando la guardia costiera ha recuperato il corpo, era ormai troppo tardi.

Altra tragedia a Sorrento. Qui a farne le spese è stato Agostino Navarro, 31 anni, ex assessore e consigliere comunale di Volla per il Partito democratico e molto impegnato nel mondo del volontariato. Si trovava sulla scogliera insieme alla compagna, quando i due sono stati trascinati in mare dalle onde. Lei è stata rianimata, mentre per lui non c'è stato niente da fare.

Angelo Ferraioli, 51enne di Nocera Inferiore e odontoiatra, stava tentando di salvare la figlia 16enne in mare su un materassino, in un lido di Santa Maria di Castellabate, nel Cilento. Ma è stato risucchiato dalla corrente e trascinato via per diversi metri. Brutti momenti li hanno vissuti anche i tre uomini della guardia costiera che hanno tentato di soccorrerlo: erano a bordo di un gommone che è stato rovesciato, per poi spiaggiarsi.

Una storia a lieto fine è, invece quella che vede protagonisti due ragazzini che, al lido d'Ischia, rischiavano di affogare. Sono stati salvati da due bagnini.









contatore