Morfina al neonato, il legale «Così l'infemiera ha salvato la vita al piccolo»
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Morfina al neonato, il legale «Così l'infemiera ha salvato la vita al piccolo»

295 Visualizzazioni


VERONA - «La mia assistita si professa estranea ai fatti» è la dichiarazione del difensore dell’infermiera veronese Federica Vecchini, la donna arrestata con l'accusa di aver somministrato senza ricetta della morfina a un neonato, provocandogli un'overdose. L’avvocato Massimo Martini spiega: «Ha praticato un intervento salvifico del bambino sulla base della sintomatologia che presentava in quel momento, perché è un’infermiera esperta e specializzata in situazioni critiche».

I sospetti si sarebbero concentrati su di lei, perché ha capito subito come intervenire per salvare il neonato, mentre in realtà - sostiene la difesa - avrebbe semplicemente fatto bene il suo lavoro, riconoscendo il problema all’origine. È questa la posizione dell’infermiera, che oggi si ritroverà faccia a faccia con il giudice per le indagini preliminari Livia Magri.









contatore