La salma di Amri riconsegnata ai familiari la salma: il jihadista ucciso dalla polizi
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

La salma di Amri riconsegnata ai familiari la salma: il jihadista ucciso dalla polizi

70 Visualizzazioni


È stata riconsegnata ai familiari per le esequie funebri la salma di Anis Amri, l'attentatore tunisino del mercatino di Natale a Berlino, ucciso poi a Sesto San Giovanni il 23 dicembre durante un conflitto a fuoco con la Polizia italiana. Lo riportano alcuni media tunisini secondo i quali la famiglia di Amri, originaria di El Oueslatia, avrebbe pagato circa 11 mila dinari (equivalenti a 3.960 euro) per il rimpatrio e la consegna del cadavere. Il cadavere di Amri era rimasto a lungo in obitorio a Milano proprio per questioni legate al pagamento delle spese di rimpatrio della salma. In Tunisia dal 30 giugno scorso, il cadavere di Amri è stato sottoposto alle pratiche medico-legali autoptiche presso l'ospedale Charles Nicolle di Tunisi, prima di essere restituito alla famiglia che ieri lo ha seppellito nella sua città natale.









contatore