Lampedusa, arrestati tre presunti scafisti
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Lampedusa, arrestati tre presunti scafisti

77 Visualizzazioni


Tre cittadini tunisini, Abdallah Ben Ammar, 37 anni, Fouad Ben Sassi, 31 anni, e Bassem Ben Amara, 32 anni,
sono stati fermati dalla Polizia ad Agrigento. Secondo gli investigatori sono gli scafisti del barcone con cui lo scorso 5 agosto sono giunti a Lampedusa 15 migranti. I profughi, giunti sulla più grande delle Pelagie, sono stati ascoltati da personale della Squadra mobile e le testimonianze di alcuni di loro avrebbero inchiodato i tre tunisini. In particolare, 12 migranti subsahariani, dopo essere stati tenuti in una safe house in Libia, la notte tra il 3 ed il 4 agosto scorsi, sono stati imbarcati in un gommone, salpato dalle coste di Sabrata e diretto in Italia.

Dopo diverse ore di navigazione, l'imbarcazione, condotta da trafficanti libici, si sarebbe accostata a un natante in legno guidato dai tre tunisini fermati, sulla quale sarebbero stati trasbordati i 12 migranti. La carretta del mare è stata poi intercettata da una motovedetta della Guardia costiera che ha imbarcato i migranti conducendoli a Lampedusa. Trasferiti a Porto Empedocle, i tre cittadini tunisini hanno trovato ad attenderli i poliziotti della Squadra mobile che li hanno fermati per evitare che potessero darsi alla fuga. Dopo la convalida del fermo, il gip di Agrigento su richiesta della locale Procura ha disposto la custodia cautelare in carcere per i tre indagati.









contatore