Milano, ottantenne violentata in pieno giorno al Parco Nord
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Milano, ottantenne violentata in pieno giorno al Parco Nord

46 Visualizzazioni


Il racconto della signora, corredato da una corposa cartella clinica, è allegato agli atti arrivati ieri pomeriggio in Procura. Un fascicolo che contiene tutti gli elementi raccolti finora su una storia drammatica: una donna di 81 anni è stata violentata mercoledì mattina nei dintorni di un parco nella periferia Nord della città. La signora è stata soccorsa dall’ambulanza e portata in un primo momento all’ospedale Niguarda. In seguito, quando al pronto soccorso si sono resi conto di quali fossero i contorni dell’aggressione, è stata trasferita alla clinica Mangiagalli, dove è stata affidata ai medici specializzati nell’assistenza anche psicologica delle vittime di violenza.

La vicenda viene seguita nella più assoluta riservatezza. Indaga la Squadra mobile di Milano, coordinata dal pm Cristiana Roveda del pool «fasce deboli». Il pm, facente funzione di coordinatore, sta per assegnare il fascicolo anche a un altro sostituto procuratore (il caso non è seguito dal pm di turno mercoledì). I particolari che emergono sono pochissimi: la vittima è una pensionata, italiana, che mercoledì si trovava in una delle vie limitrofe al Bosco di Bruzzano, alla periferia nord di Milano, per fare la spesa. L’agguato risale alle prime ore della mattinata e sono stati i soccorritori dell’ambulanza, insieme ai medici del pronto soccorso, a capire che non si era trattato di uno scippo o di un tentativo di rapina, ma di un’aggressione a sfondo sessuale. La signora è arrivata in ospedale in un pesante stato di choc, ma sarebbe comunque riuscita a dare una qualche indicazione utile sul profilo dell’aggressore. Proprio da questi elementi è partito il lavoro della polizia e del magistrato. Giovedì mattina l’81enne è stata dimessa dalla Mangiagalli ed è potuta tornare a casa.
Stando all’età della signora, si può ricordare un precedente avvenuto il mese scorso in provincia di Bari, dove un’anziana venne avvicinata da un ragazzo nigeriano, 26 anni, che si è prima offerto di aiutarla per portare a casa la spesa e poi l’ha aggredita. Quella vicenda, nella dinamica, sembra avere un qualche punto di analogia con la violenza di mercoledì mattina a Milano: anche in questo caso sembra che l’uomo si sia presentato alla vittima con la scusa di portarle le borse, si sia offerto di aiutarla in qualche modo e abbia cercato di conquistare la sua fiducia prima dell’aggressione. Una delle poche certezze, al momento, è che l’uomo ha incontrato la signora per caso e all’inizio non si è mostrato minaccioso. Dovrebbe trattarsi di un cittadino straniero, o all’apparenza straniero, ma su questo punto non ci sono ancora conferme.
In quelle zone di periferia, tra Niguarda e la Bicocca, a ridosso del confine Nord della città, le telecamere non sono molte e non hanno una distribuzione capillare. Gli investigatori stanno comunque cercando di recuperare qualche filmato che potrebbe aver inquadrato l’uomo, anche in una fase precedente o successiva all’aggressione. Allo stesso modo stanno cercando di raccogliere la testimonianza di qualcuno che potrebbe aver notato la persona.


Fonte: milano.corriere.it






contatore