Ai funerali di Ciro Esposito c'è anche Genny 'a Carogna
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Ai funerali di Ciro Esposito c'è anche Genny 'a Carogna

496 Visualizzazioni


Oggi ci sono stati i funerali del giovane ragazzo morto tra gli scontri tra ultras romani e ultras napoletani afflitto da un colpo di pistola

[Immagine: 1403870869-ansa-20140626105406-7725594.jpg]

"A quanto ha raccontato lo zio, Pino Esposito, il giorno degli scontri Ciro era andato incontro a Daniele De Santis, ultras romanista che stava lanciando bombe carta contro un pullman di napoletani con a bordo donne e bambini. Tra i due si sarebbe scatenata una colluttazione, prima che il romanista sparasse con una pistola, ferendo il tifoso del Napoli.
Da ieri pomeriggio la salma di Esposito è rimasta esposta nella camera ardente allestita nell'auditorium di Scampia, dove oggi si celebrano i funerali in piazza Grandi Eventi. Al ragazzo sarà intitolato lo stadio comunale.
Accanto al feretro, nella camera ardente, sono state deposte ieri molte corone di fiori, lasciate da amici, istituzioni, ma anche dai tifosi di Napoli, Nocera e Catania e dalla famiglia di Antonio Speziale, il tifoso condannato per l'omicidio dell'ispettore di polizia Filippo Raciti. A salutare Esposito è arrivato anche Francesco Verde, il fratello di quella Gelsomina Verde uccisa giovanissima durante la faida di Scampia.
"Quando muore un giovane di 30 anni, muore sempre una parte della città - ha detto il cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe -, perchè viene a mancare un tratto della sua giovinezza. E quando una vita, come quella di Ciro Esposito, è recisa dalla violenza ciò che resta è un dolore cupo che sembra sbarrare le porte a ogni tipo di speranza".
In piazza anche Genny De Tommaso, il tifoso meglio noto come "Genny 'a Carogna", che la sera della finale di Coppia Italia guidava la curva allo Stadio olimpico di Roma. L'ultras finì nelle pagine della cronaca nazionale per la maglietta che indossava, che chiedeva la liberazione di Antonio Speziale e per una presunta trattativa per consentire l'inizio del match tra Napoli e Fiorentina. Secondo i testimoni sarebbe stato tra i primi a soccorrere Esposito."

^ ^

Fonte web









contatore