Ciclisti in allerta multe salate per chi viola il codice
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Ciclisti in allerta multe salate per chi viola il codice

199 Visualizzazioni


Si va dai 163 euro se si passa col rosso a sanzioni minori. In centro città già elevate una decina di contravvenzioni

FERRARA. Per Ferrara è veramente il caso di dirlo: hai voluto la bicicletta, e adesso pedala. Che, lievemente mutato, potrebbe anche suonare così: pedala, e stai attento a non prendere multe. Già. Perché da alcune settimane la Polizia municipale (di cui è comandante Laura Trentini) sta seguendo con particolare attenzione le mosse ed i tragitti dei ciclisti ferraresi. D’altro canto, era lecito attenderselo, prima o poi: siamo o non siamo la città/capitale delle biciclette? E una capitale che si rispetti deve avere un codice da rispettare. E il codice c’è, pronto pronto per essere applicato. È il codice della strada, che per motivi quasi impercettibili praticamente mai è stato “usato” per chi va in bicicletta ma che legifera anche per chi usa la bici. Così, la musica è cambiata. I numerosi incidenti che hanno visti coinvolti proprio le bici e i ciclisti hanno indotto Comune e Polizia municipale a stringere la cinghia dei controlli, cercando di prevenire per la verità comportamenti talora molto pericolosi: andare contromano, sui marciapiedi, fare lo slalom a velocità sostenute e altre cosucce di questo tipo. «Era necessario controllare un po’ di più e più spesso anche la circolazione sulle bici - risponde con la consueta precisione la comandante Trentini - , abbiamo elevato una decina di multe, ma siamo noi i primi ad essere ben contenti che i ferraresi utilizzino un mezzo salutare come la bicicletta, ovviamente senza farsi male».

Le multe? Salate. Si va dai 163 euro per chi passa col rosso, a sanzioni pecuniarie minori: 41 euro di multa, ad esempio, per chi circola su un marciapiede o sottoportico; altrettanti se si viene beccati a pedalare contromano (la tabella a lato riporta tutti i casi). Insomma, il Comune ha fatto partire una sorta di campagna di sicurezza stradale rivolta a chi utilizza la bicicletta, per prevenire gli incidenti. Ma anche per avvisare che i vigili sono pronti ad estrarre il taccuino delle multe. Non circolare contromano non è l’unico comportamento sbagliato ad essere punito: ve ne sono diversi. Si vìola il codice della strada anche se non si accendono le luci della bici mezzora prima del tramonto e mezzora dopo l’alba; ugualmente codice della strada violato se si attraversa (come ricordato) col rosso, se si attraversano le strisce pedonali senza scendere dalla bici, ed ancora è vietato parlare al cellulare o ascoltare musica con gli auricolari. Questo prevede il codice della strada per i ciclisti. Per quanto riguarda i non obblighi, nessun obbligo di casco o pettorine riflettenti, ausili però che sono fortemente consigliati.


Fonte: Lanuovaferrara






contatore