F1 Messico, inizio Mercedes. Guida Bottas. Ferrari, Vettel dietro alle Red Bull
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

F1 Messico, inizio Mercedes. Guida Bottas. Ferrari, Vettel dietro alle Red Bull

78 Visualizzazioni


Prima sessione di prove libere con il finlandese che precede Hamilton (entrambi però con gomma ultrasoft), Verstappen e Ricciardo. Poi il tedesco e Raikkonen. Incidente per Celis. Giovinazzi precede Leclerc

Scattano subito le Mercedes. Nella prima sessione di prove libere del GP del Messico, miglior tempo di Valtteri Bottas in 1'17"824 davanti al compagno di squadra Lewis Hamilton, staccato di poco meno di mezzo secondo. I due delle Frecce d'argento, però, hanno fatto il tempo con gomma ultrasoft, la più morbida. Le due Red Bull e le due Ferrari, che occupano con Verstappen, Ricciardo, Vettel e Raikkone n le posizioni dalla terza alla sesta, hanno infatti stabilito il loro crono con gomma supersoft. Per Vettel e Raikkonen anche un paio di innocue escursioni fuori pista. Peraltro molto sporca, essendo solo la prima giornata.
BRAVO ANTONIO — Soddisfatto Antonio Giovinazzi, che tornava sulla Haas per la prima sessione di libere dopo due GP (e anche in Malesia non aveva fatto che pochi giri per via della pioggia), per la prima volta su quella di Romain Grosjean. "Ho lavorato con una nuova squadra e girato con tanto carico di benzina per fornire dati al team”, peraltro solo con soft e supersoft, chiudendo la sessione del mattino col 15° tempo, a 6 decimi da Kevin Magnussen, ma davanti a Charles Leclerc, alla terza FP1 con la Sauber: “Quando ho messo le super c’è stata la bandiera rossa (per l’incidente di Alfonso Celis con la Force India, ndr), peccato. Ma sono soddisfatto: ho fatto molti giri, che è quel che mi chiedeva la squadra, e pochissimi errori. Ho ancora due FP1 in Brasile e a Abu Dhabi: il mio obiettivo è essere ancora qui l’anno prossimo”.


Fonte: gazzetta






contatore