Facebook Messenger cede di fronte agli annunci pubblicitari
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Facebook Messenger cede di fronte agli annunci pubblicitari

111 Visualizzazioni


Ormai è uso comune, da quando internet è entrato prepotentemente nelle vite di tutti, infilare annunci pubblicitari un po’ ovunque; interi siti, applicazioni e così via oggigiorno si basano sugli introiti dovuti alla pubblicità e da oggi lo farà anche Facebook Messenger. La reazione dell’utenza alla pubblicità è sempre stata piuttosto discordante, se infatti alcuni apprezzavano, e apprezzano tuttora, la possibilità di visionare offerte interessanti con un rapido click, per altri è solo una scocciatura. Spesso questi annunci sono invadenti e minano, a volte irrimediabilmente, la velocità con cui si può usufruire di un servizio, rallentando ad esempio l’accesso alla pagina di rete richiesta o richiedendo uno sforzo dell’hardware non indifferente.

[Immagine: 585drRb.png]

Proprio per questo motivo negli ultimi anni si è sempre più diffuso l’utilizzo di applicazioni costruite ad hoc per impedire alla pubblicità di apparire nella schermata, riducendo di fatto lo sforzo per i nostri dispositivi elettronici. Tuttavia finora non tutte le applicazioni (e siti) avevano concesso spazio agli annunci promozionali all’interno del loro servizio, e questo è proprio il caso di Facebook Messenger. Le app di Facebook sono già note tra i più per la loro pesantezza sui dispositivi mobile, assolutamente esagerata in base all’offerta che essi garantiscono e, non a caso, l’azienda si è vista costretta a rilasciare delle versioni Lite, cioè alleggerite, per tutti quegli utenti che avevano incontrato difficoltà con le versioni base.

[Immagine: wo26iy6.jpg]

Dopo una beta limitata alla Thailandia e all’Australia, il nuovo Facebook Messenger con annessa pubblicità sarà lanciato in tutto il mondo e secondo VentureBeat, la pagina iniziale del programma di messaggistica istantanea diventerà una vera e propria vetrina di annunci entro la fine di quest’anno. Oltre a ciò sarà permesso alle aziende che richiederanno uno spazio pubblicitario anche di inviare direttamente agli utenti dei messaggi promozionali, sebbene la cosa rimarrà limitata a solo chi ha visitato la pagina dell’azienda stessa sul social network.

[Immagine: PBGhRSx.jpg]

“La pubblicità non è necessariamente tutto, ma è sicuramente il modo principale attraverso cui stiamo facendo soldi in questo momento. Ci sono altri modelli di business che stiamo esplorando, ma ruotano tutti intorno alla pubblicità in un modo o nell’altro”

Questo è quanto detto dal responsabile del prodotto, Stan Chudnovsky, a VentureBeat. La notizia è stata già accolta positivamente dalle aziende, interessate alla grande sponsorizzazione che potrebbe derivare da un social network così diffuso, mentre invece è stata accolta tiepidamente dall’utenza che vede un altro baluardo privo di pubblicità essere sconfitto. Chudnovsky continua dicendo:

“Non sappiamo ancora quanto gli utenti inizieranno a vederli, perché sfrutteremo logiche basate sui dati e sui feedback degli utenti”

[Immagine: pw9xt2b.png]

Quindi dobbiamo aspettarci ancora una vera e propria fase di prova in attesa di vedere quanto il risultato possa essere apprezzato dal pubblico. Infatti la scelta iniziale di aprire la versione beta nella sola Thailandia e Australia è stato un tentativo per comprendere meglio come agire su più vasta scala se la novità fosse stata gradita o meno (e se avesse remunerato sufficientemente in vista dell’investimento). Bisogna tenere inoltre conto che secondo quanto detto dal responsabile, Facebook Messenger rilascerà gli annunci lentamente sulla pagina principale dell’app prestando attenzione al feedback dell’utente e agendo in conseguenza. Quindi potremo forse esser salvi dalla pubblicità invasiva nel caso in cui decidessimo di non visionare mai nulla di quanto proposto dal programma.









contatore