Libia, Gentiloni: "Serraj ha chiesto aiuto navale in acque libiche contro trafficanti
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Libia, Gentiloni: "Serraj ha chiesto aiuto navale in acque libiche contro trafficanti

65 Visualizzazioni


ALL'INDOMANI dell'intesa di Parigi tra Macron e i leader delle due principali fazioni libiche, il primo ministro libico Fayez al Serraj è a Roma per affrontare con il iresidente del Consiglio Paolo Gentiloni i temi del conflitto in atto nel suo Paese e dell'incessante flusso di migranti che dalla Libia arrivano in Italia. E su quest'ultimo punto "chiede al governo italiano un sostegno tecnico con unità navali italiane nel comune contrasto al traffico di esseri umani da svolgersi in acque libiche". Nella conferenza stampa congiunta svoltasi al termine del colloquio Gentiloni precisa che "la richiesta è attualmente all'esame del nostro ministero della Difesa". "Le scelte - aggiunge - saranno valutate dalle autorità libiche e con il Parlamento italiano. Ma se valuteremo la possibilità di rispondere positivamente, come credo necessario, può rappresentare un punto di novità molto rilevante per i contrasto al traffico di esseri umani".

Il presidente del Consiglio sgombera subito il campo dalle "polemiche" con Parigi affermando che le condizioni per l'incontro di ieri sono state create dal lavoro diplomatico dell'Italia. E ribadisce che il colloquio con Serraj a Palazzo Chigi è stato l'occasione per "confermare la cooperazione tra i nostri due Paesi che si basa anche su accordi sottoscritti alcuni mesi fa. Cooperazione che si sviluppa su più fronti e diversi livelli, e ci auguriamo che sia anche sempre più una cooperazione economica, una cooperazione sul terreno delle infrastrutture, contro il terrorismo e naturalmente sul tema cruciale per noi del contrasto all'immigrazione clandestina. Lavoriamo contro i trafficanti di esseri umani insieme alle autorità libiche, alle autorità centrali e alle comunità locali".


Fonte: La Repubblica






contatore