MotoGP Libere2, emerge Marquez; Rossi 7°, Ducati indietro
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

MotoGP Libere2, emerge Marquez; Rossi 7°, Ducati indietro

70 Visualizzazioni


Nella seconda sessione lo spagnolo della Honda precede Crutchlow e Rabat, con la vecchia Desmosedici. Iannone 4° davanti a Vale, mentre Dovizioso e Lorenzo sono fuori dalla top 10 nella combinata di giornata

Nella seconda sessione di libere in Argentina arriva l'attesa pioggia, probabile costante di tutto il week end. L'acqua risparmia la Moto3, ma bagna la Moto2 e inumidisce anche l'inizio della MotoGP che scende in azione con la pista in condizioni non perfette, ma che poi migliora e consente di abbassare i riferimenti del mattino. Il più veloce della giornata risulta quindi Marquez che con il tempo di 1'39"395 precede Crutchlow (Honda Lcr) di 0"404 e Rabat (Ducati Avintia) di 0"951. A seguire ecco Iannone (Suzuki), 4° a 1"060; Pedrosa (Honda), 5° a 1"099; Viñales (Yamaha), 6° a 1"115; Rossi (Yamaha), 7° a 1"182; Rins (Suzuki), 8° a 1"197; Bautista (Ducati Nieto), 9° 1"371 e Aleix Espargaro (Aprilia), 10° a 1"405. In grossissima difficoltà le Ducati ufficiali di Lorenzo, solo 17°, e Dovizioso, ancora più attardato: nella combinata dei tempi al momento i due sarebbero entrambi fuori dalla Q2. La top ten del venerdì, da tenere ben presente in caso di maltempo al sabato, prevede infatti: Marquez, Crutchlow, Pedrosa, Rabat, Iannone, Vinales, Rossi, Rins, Zarco e Miller.
DICHIARAZIONI — "Si deve lavorare - ha detto Dovizioso -, la situazione è un po' complessa per un insieme di combinazioni fra gomme, asfalto e assetti, ma possiamo migliorare". Petrucci poi aggiunge: "In queste condizioni la moto 2017 va meglio, i numeri non spiegano bene la situazione". L'analisi di Lorenzo: "Questa per ora è una pista che evidenzia i punti deboli della moto nuova e ora dobbiamo analizzare molte cose per capire". Così Rossi: "Era importante stare nei dieci, sono abbastanza contento del passo gara con le gomme dure, ma dobbiamo lavorare su pneumatici, elettronica e assetto della moto e pensare alle qualifiche e al passo per la gara, che sarà articolata". Vinlaes: "Mi sento abbastanza bene sulla moto, siamo un po' lontani dai migliori, ma abbiamo un sacco di potenziale che dobbiamo solo tirar fuori".


Fonte: Gazzetta






contatore