Nord Corea, Kim allerta l’esercito: Pronti all’attacco in qualsiasi momento
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Nord Corea, Kim allerta l’esercito: Pronti all’attacco in qualsiasi momento

71 Visualizzazioni


La Corea del Nord è «pronta» ad attaccare gli Stati Uniti, o meglio il territorio statunitense di Guam, l’isoletta in pieno Pacifico alla portata dei nuovi missili testati dal regime di Pyongyang. Il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, ha fatto sapere attraverso l’agenzia di stampa ufficiale nordcoreana Kcna, citata dai media internazionali, di aver «allertato» le forze armate e di essere pronto ad attaccare in qualsiasi momento. Per il momento, però, prima di lanciare missili verso Guam, il dittatore nordcoreano intende guardare «un altro po’ il folle e stupido comportamento degli yankee», secondo quanto riporta l’agenzia.

Usa-Corea del Nord, minacce di guerra. Uccidere Kim, trattare, attaccare per primi: gli scenari in campo


Provocazioni e avvertimenti

Il leader nordcoreano ha parlato durante un’ispezione al comando della Forza strategica a capo delle unità missilistiche della Corea del Nord, durante la quale è stato messo al corrente sui dettagli del piano di lancio missili verso il territorio statunitense di Guam. Kim «ha esaminato il progetto per lungo tempo» e «ha discusso» con gli ufficiali del comando, spiega la Kcna, costatando che le forze armate di Pyongyang sono pronte a lanciare i missili in qualsiasi momento. «Per disinnescare le tensioni e prevenire il pericoloso conflitto militare nella penisola coreana - afferma Kim, citato dalla Kcna - è necessario che gli Stati Uniti facciano innanzitutto scelte adeguate e le traducano in azioni, in quanto hanno compiuto una provocazione con l’introduzione di enormi attrezzature strategiche nucleari in prossimità della penisola» coreana.

Guam, ecco perché la base militare Usa è così strategica

La posizione americana

Un attacco nordcoreano porterebbe rapidamente alla guerra: la posizione degli Stati Uniti è nota ed è stata ribadita lunedì sera dal segretario alla Difesa statunitense, Jim Mattis. Gli Stati Uniti - ha chiarito il collaboratore del presidente Trump - «eliminerebbero» qualsiasi missile nordcoreano che fosse diretto verso il suolo americano. E Mattis ha aggiunto che qualsiasi attacco da parte di Pyongyang porterebbe alla guerra: «Se sparassero contro gli Stati Uniti, questo potrebbe portare alla guerra molto velocemente», ha detto Mattis, rimarcando: «Sì, se ci sparano si chiama guerra». Il segretario alla Difesa americano ha affermato che i sistemi di rilevamento missilistico e di tracciamento degli Stati Uniti possono rapidamente sapere se un missile lanciato dalla Corea del Nord è diretto verso il suolo americano. Pyongyang ha dichiarato la scorsa settimana che sta considerando di lanciare quattro missili verso Guam. Se un missile viene considerato diretto sull’isola, Mattis ha detto: «Lo faremo fuori».


Fonte: msn






contatore