Record di critiche negative per 'Emoji', il film sulle faccine degli sms
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Sondaggio: andrete a vedere il film?
si
no
[Mostra risultato]
 
Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Record di critiche negative per 'Emoji', il film sulle faccine degli sms

98 Visualizzazioni


Il film sulle faccine degli sms, gli Emoticon, detiene il poco invidiabile record di aver accumulato un gradimento dei critici pari a zero. Il film, Emoji: Accendi le emozioni, che uscirà in sala negli Stati Uniti il quattro agosto, è certificato allo zero per cento da Rotten Tomatoes, il sito aggregatore di recensioni: e nei giudizi impietosi, i critici si sono sbizarriti con la recensione sintetizzata con le faccette: il più usato è l'emoticon Poo, quello marroncino, per intenderci, cui nel film ha prestato la voce nientemento che Patrick Stewart.
Il critico del New York Time Glenn Kenny lo definisce "naked idiotely", per l'Associated press è un film "mediocre, da "Meh". Jordan Hoffman del New York Daily News il film dimostra quanto Hollywood sia disposta a scendere in basso pur di fare cassa. Vadim Rizov di Av Club scrive che è il punto più basso toccato dalla Sony. Più meno dello stesso tenore gli altri commenti, che però potrebbero essere contraddetti in sala dal pubblico.
Emoji - Accendi le emozioni è il viaggio a cartoni attraverso le applicazioni del telefono, in compagnia di un emoji distratto in cerca di se stesso. Nello smartphone di Alex, adolescente imbranato, esiste la cittadina di Messaggiopolis, abitata da faccine rotonde e diligenti che scattano al minimo tap tap sul cellulare. Ciascuna nella propria vetrina è pronta a posare con il sorriso più smagliante, gli occhioni più languidi, l'espressione più sconcertata per essere selezionata dall'utente, che tiene nel palmo della mano il destino del loro mondo. C'è l'emoticon Gene vorrebbe essere un emoji "bah" come i suoi genitori, ma nato senza filtro, può sgranare gli occhi e sformare la bocca a piacimento, assumendo espressioni non incasellabili. Il proprietario del telefono si insospettisce e si prepara a formattare il cellulare, diffondendo il panico tra i minuscoli abitanti digitali. Il film esce in Italia il 28 settembre.


Fonte: www.repubblica.it






contatore