Roma, donna uccisa e fatta a pezzi: confessa il fratello. Le parti del corpo trovate
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Roma, donna uccisa e fatta a pezzi: confessa il fratello. Le parti del corpo trovate

44 Visualizzazioni


Orrore a Roma a due passi da piazza Euclide. All’interno di un cassonetto per l’immondizia sono stati trovati i resti di un cadavere sezionato: due gambe, probabilmente tagliate con una sega o un'accetta all'altezza dell'inguine e poi occultate nel contenitore di metallo. Altri resti, l'intero busto con la testa di una donna sono stati poi rinvenuti dalla polizia in un cassonetto in via Guido Reni, di fronte al civico 22, vicino al reparto volanti. I vestiti in un terzo cassonetto in via Giovanni Paolo Pannini.

Un uomo, interrogato in Questura, ha confessato l'atroce delitto. Si tratta di Maurizio Diotallevi, fratello 62enne della vittima. Lui e la sorella Nicoletta, di 59 anni, avevano problemi economici e vivevano insieme nell'appartamento lasciato in eredità dai genitori. Per sostentarsi, affittavano anche a studenti una stanza dell'appartamento in via Guido Reni 22b. Non è escluso che a far scattare l'ira dell'uomo possa essere stata una richiesta di soldi respinta dalla sorella. Da quanto è emerso infatti i due fratelli litigavano spesso per questioni economiche.

Maurizio e Nicoletta si erano riuniti anni fa dopo la morte della mamma. Sulla porta dell'appartamento sono stati apposti i sigilli da parte delle forze dell'ordine. Nel condominio al momento ci sono pochissimi inquilini, così come Nella scala C, dove vivevano fratello e sorella. Decisive per le indagini sulle immagini delle telecamere di sorveglianza che hanno ripreso prima l'uomo scendere di casa in via Reni con un grosso sacco, poi alla 1.30 di ieri in via Pilsudski mentre gettava le gambe nel cassonetto.

Diotallevi è stato portato nel carcere di Rebibbia.

Sulla vicenda sono in corso indagini della squadra mobile di Roma diretta da Luigi Silipo. La procura ha aperto un'indagine per omicidio. A guidare gli investigatori verso i cassonetti di via Guido Reni sarebbe stata proprio la confessione dell'uomo.









contatore