Spalletti: Domani senza presunzione. Perisic e Icardi i migliori, su Borja...
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Tag: Spalletti, Domani, senza, presunzione., Perisic, Icardi, migliori, Borja...,
Nuova Discussione
Rispondi alla Discussione
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Spalletti: Domani senza presunzione. Perisic e Icardi i migliori, su Borja...
82 Visite
Utente Normale
*
5.00C
2017 Sep
2
55
Utente Normale

Messaggio: #1
Spalletti: Domani senza presunzione. Perisic e Icardi i migliori, su Borja...
15/09/2017 21:27

Aggiorna il tuo account per nascondere gli annunci pubblicitari.

A Mediaset Premium il tecnico nerazzurro dice che servirà blindare il suo attaccante ("con una clausola top!"). Poi, nel corso della classica conferenza pre-match, elogia anche anche Perisic e Borja Valero

Luciano Spalletti torna a parlare alla vigilia della trasferta di Crotone, seconda "trappola" dopo il match contro la Spal, in una finestra di campionato che prima della prossima sosta prevede anche Bologna, Genoa e Benevento. Ma prima della classica conferenza si è concesso ai microfoni di Premium Sport: "Per Icardi va messa la massima clausola possibile", ha affermato il tecnico nerazzurro, "a livello di Isco e di tutti i top”. Ma ha anche commentato il nuovo look (capelli biondo platino) dell'argentino: "Non gli ho detto niente, i miei calciatori si possono comportare come vogliono. L’essenziale è che non disturbino il lavoro della squadra. In questo caso qui se un compagno si gira e vede quel bagliore biondo, lo riconosce meglio e riesce a servirlo e dargli palla.

IN CONFERENZA — In sala conferenza Spalletti si presenta un po' in ritardo perché ha martellato i suoi sul campo. Le sue parole tutte d'un fiato. "L'errore da evitare è quello tra la consapevolezza e la presunzione, ma ho visto che i ragazzi rispondono bene e anche contro la Spal hanno avuto l'atteggiamento giusto. Abbiamo ancora 35 gare da giocare e tutte sono importanti. Non si vive solo della grande serata".
CROTONE — "Conosco molto bene Nicola e la sua squadra, lui sa come motivarli perché sembravano spacciati ed è riuscito a far credere loro che potevano ancora salvarsi. Dovremo essere bravissimi, il campione non sceglie la partita in cui esserlo, ma mette il suo marchio in ogni match senza fare distinzioni".

SCELTE E SINGOLI — "Chi gioca a centrocampo? In generale inizio ad avere qualche dubbio perché tutti fanno bene in allenamento e si stimolano a vicenda ad andare sempre più forte. E si può essere decisivi anche dalla panchina. Il rendimento della difesa? Mi aspettavo un miglioramento perché li vedo lavorare in un certo modo. Bene tutti e abbiamo due titolari fortissimi delle cui potenzialità non ci siamo ancora resi conto appieno. Così come gli altri reparti, vedi Gagliardini che è un camion con rimorchio di traverso quando te lo trovi davanti. Icardi e Perisic


















una fortuna ma anche una dipendenza? Sono due eccezionali, i migliori nei rispettivi ruoli, ma abbiamo armi diverse e presto segnerà qualcun altro. Non sono curioso di vedere come reagiranno i miei al primo vero momento di difficoltà. Ai miei prima della Spal ho detto che ero curioso di vedere i motivi per cui non avrebbero vinto davanti a 60mila spettatori. Presto per fare dei casi se qualcuno sta fuori, abbiamo appena iniziato. Anche Eder può fare benissimo il trequartista. Se possiamo fare a meno di Borja Valero? Lui può giocare ovunque, magari non fa gli assist e i gol cui tutti guardano ma fa vincere le partite con tanti passaggini".
MOVIMENTO IN GENERALE — Tema a margine dell'Inter, la difficoltà della nostra Nazionale e dei club di Champions quando si confrontano contro i movimenti migliorini d'Europa. "Dipende da quando incontri certi avversari - spiega il tecnico -, ma il nostro calcio non si sta appiattendo bensì adeguando al calcio europeo. Tanto che la Spal viene al Meazza non a fare lanci lunghi ma a iniziare l'azione da dietro. Anche se i super budget di certe big europee può pesare. Il calcio italiano comunque è sulla strada giusta, sono fiducioso. In camera mia c'è sempre il sole". Beato lui, anche perché ad Appiano inizia a piovere.

Rispondi


Aggiorna il tuo account per nascondere gli annunci pubblicitari.



Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)





contatore