Sul set con Verdone, per Carlo e Ilenia il cinema è sacro
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Sul set con Verdone, per Carlo e Ilenia il cinema è sacro

54 Visualizzazioni


Il caldo non dà tregua neanche alle star del cinema. Carlo Verdone lo affronta con calma serafica. Ieri mattina, in via dei Cestari, a pochi metri dal Pantheon, c'era lui, a guidare l'intera troupe della sua ultima fatica cinematografica Benedetta follia. Ogni tanto guarda verso il cielo, scruta le luci, sembra sfidare il sole e impartisce indicazioni ai tecnici della produzione. Et voilà, la macchina dei sogni va in scena e regala l'ebbrezza da brivido del grande cinema in un'afosa mattinata d'agosto. Quasi una giornata particolare per quelli che per caso riescono a viverla. E' concentrato, Verdone, in camicia bianca e pantaloni blu. Sembra sopravvivere al caldo, e sa offrire anche sorrisi amabili. Come quelli che non può non riservare all'obiettivo spietato di Rino Barillari, il re dei paparazzi, che è riuscito ad immortalarlo nella sua ultima giornata di ciak nel centro storico. Una lunga maratona di riprese, iniziate a luglio nel quartiere dell'Eur, e che hanno continuato a coinvolgere varie zone della Capitale e oltre (Labaro, Prima Porta, Sperlonga, Caprarola), in questo personale omaggio di celluloide alla sua Roma (uscita nelle sale, dopo Natale). Verdone sta al gioco e si racconta.









contatore