Yellen: Regole post crisi hanno reso finanza più sicura
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Stertix.it
LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Yellen: Regole post crisi hanno reso finanza più sicura

53 Visualizzazioni


MILANO - Janet Yellen si schiera in difesa delle regole introdotte dopo la crisi finanziaria e mette in guardia su possibili modifiche, ventilate anche dal presidente Usa Donald Trump. Il sistema finanziario - ha detto nel suo intervento al summit di Jackson Hole - è "sostanzialmente" più sicuro e qualsiasi cambio alle regole decise dopo la crisi finanziaria dovrebbe essere "modesto". Il riferimento è soprattutto alla revisione del Dodd-Frank Act, l'impianto di norme introdotto per limitare la speculazione finanziaria degli istituti di credito.

CINQUE GRAFICI PER CAPIRE JACKSON HOLE

Le riforme decise dopo la crisi finanziaria "hanno aumentato la resilienza del sistema finanziario. Le banche sono più sicure" ha detto difendendo a spada tratta la riforma di Wall Street e le altre misure decise dopo la crisi del 2008. "Il sistema finanziario è sostanzialmente più sicuro. La capacità delle grandi banche di assorbire le perdite è maggiore. Gli stress test annuali hanno portato a un miglioramento delle posizioni di capitale e dei processi di gestione del rischio" ha messo in evidenza Yellen. "Sostanziali progressi sono stati compiuti verso gli obiettivi della Fed della massima occupazione e della stabilità dei prezzi. Il sistema finanziario è più resistente e meglio preparato ad assorbire, invece che amplificare, shock avversi. Ma resta del lavoro da fare".

Non possiamo essere sicuri che non ci saranno nuove crisi" ma se "ci ricordiamo i danni" che l'ultima ha creato e "agiamo di conseguenza, possiamo sperare che il sistema finanziario e l'economia sperimenteranno meno crisi e recupereranno più velocemente risparmiando le famiglie e le aziende dalle

difficoltà del 2008, ha sottolineato. Come previsto da molti osservatori, il numero uno della Fed non ha invece espresso commenti sull'economia Usa, limitandosi ad affermar che è "forte", né fornito spunti di politica monetaria.


Fonte: www.repubblica.it






contatore